Proventi illeciti e truffe sui bonus edilizi a Bari: sequestrati 300 milioni di euro in 18 mesi

Autore Redazione Canale 7 | mer, 12 lug 2023 19:22 | 487 viste | Bari Guardia-Di-Finanza Procura-Repubblica Cronaca

Dal gennaio 2022 le operazioni delle Fiamme Gialle baresi hanno portato all'individuazione di 165 milioni di euro realizzati tramite indebite compensazioni e cessioni di crediti d'imposta in materia edilizia

La Guardia di Finanza di Bari, nell’ambito di indagini delegate dalla locale Procura della Repubblica, dal 1° gennaio 2022, ha eseguito provvedimenti di sequestro (penale, di prevenzione e ai sensi della normativa in materia di responsabilità amministrativa degli enti) per oltre 300 milioni di euro.

"Le infiltrazioni della criminalità nell’economia legale continuano ad essere una minaccia persistente per il nostro Paese e per l’intera area territoriale di riferimento - si legge in una nota delle Fiamme Gialle - anche alla luce della costante evoluzione delle compagini delinquenziali, le quali pur mantenendo i tradizionali metodi 'mafiosi', nella loro nuova connotazione affaristica ricorrono usualmente a complessi schemi volti al riciclaggio di capitali illeciti, a condotte di corruzione e frodi di natura patrimoniale-finanziaria, per perseguire una mirata azione di penetrazione nel tessuto economico-sociale, con l’intento di alterare la correttezza degli scambi economici e ledere gravemente il sistema istituzionale".

In questo quadro si inserisce la collaborazione dell’Ufficio giudiziario barese con la Guardia di Finanza, Corpo istituzionalmente chiamato a contrastare i fenomeni illeciti lucrogenetici che, da tempo, ha intrapreso un processo evolutivo fondato sul costante miglioramento delle competenze dei propri investigatori, nonché sul ricorso a nuove tecnologie e all’informatica operativa (in grado di elaborare grandi masse di dati e individuare le più diversificate dinamiche criminali).

Nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari l’attuale approccio operativo delle Fiamme Gialle baresi si pone, in particolare, l’obiettivo di cogliere le singole sfaccettature delle proiezioni economiche e finanziarie della criminalità, facendo leva su tutte le potestà riconosciute ai suoi appartenenti e sulla maturata capacità di leggere in modo trasversale gli accadimenti economici. 

L’obiettivo comune è quello di individuare e aggredire ogni forma di ricchezza illecita, anche con riferimento a contesti non espressamente correlabili a delitti tipici di criminalità organizzata. In questa prospettiva, le attività investigative dirette dalla locale Procura sono tese a fare emergere i patrimoni illeciti direttamente e indirettamente riconducibili ai soggetti investigati, detenuti anche all’estero, attraverso approfondite investigazioni economico-patrimoniali, ricostruendo l’origine e la destinazione dei pertinenti flussi finanziari.

Tra i risultati più significativi in tema di aggressione ai patrimoni illeciti si richiamano quelli conseguiti in relazione ad alcune particolari fenomenologie criminali: frodi fiscali connesse all’emissione e all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, anche mediante l’utilizzo di sofisticati software per la gestione della contabilità 'in nero'. Esemplificativa, in tal senso, è l’operazione 'Doppia estrazione' del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari della Guardia di Finanza che ha consentito di scoprire un programma gestionale, utilizzato da numerosi odontoiatri e ideato da un ingegnere informatico, per la tenuta di un sistema di contabilità occulto rispetto a quello ufficiale. In particolare, il citato software consente di creare specifiche schede cliente, nelle quali (oltre alle prestazioni certificate) attraverso la pressione del tasto F12 e l’inserimento di una password è possibile rendicontare i compensi che si intende sottrarre a tassazione. Il sistema è programmato per memorizzare la contabilità 'parallela' su supporti esterni (pendrive e hard disk), facilmente rimovibili in caso di controllo da parte dell’Amministrazione Finanziaria e non intellegibili senza l’uso del medesimo applicativo informatico e le particolari modalità di accesso dianzi illustrate.


Aggiornamenti e notizie