Corruzione alla Protezione civile- Il governatore Emiliano dice: "Lerario sospeso dal lavoro. In corso verifiche su tutti gli appalti"

Autore Redazione Canale 7 | lun, 27 dic 2021 19:35 | 1908 viste | Regione-Puglia Michele-Emiliano Cronaca

"Il dirigente arrestato – scrive Emiliano - era già stato sostituito dalla responsabilità dell'Ufficio di economato da altro dirigente. Quello verificatosi è una atto gravissimo, occorso peraltro durante la pandemia”

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, interviene sugli sviluppi della vicenda tangenti alla Protezione civile regionale. “ Ho immediatamente affidato al dottor Nicola Lopane la responsabilità di gestione della Protezione Civile e della Sezione Strategie e Governo dell’offerta- scrive il governatore della Puglia- chiedendogli di affrontare la gestione quotidiana, ma anche di sottoporre a verifica attenta tutte le procedure per ripristinare la trasparenza e la legalità. Il Segretario Generale della Presidenza dottor Roberto Venneri, responsabile dell’anticorruzione, attiverà tutti i controlli contabili e amministrativi straordinari sulle attività svolte del dirigente indagato. Il Dirigente arrestato era già stato sostituito dalla responsabilità dell’Ufficio di Economato da altro dirigente, dottor Francesco Plantamura. Infine, si comunica che le competenti strutture regionali hanno notificato in carcere al dirigente arrestato il provvedimento di sospensione dal lavoro. Mentre, per il funzionario indagato a piede libero per i reati di falso e turbativa d’asta,  è stato disposto il trasferimento dall’Economato ad altra diversa struttura. I fatti che stanno emergendo dalle indagini in corso obbligano tutti, al di là di tutti i controlli e le verifiche ordinariamente svolti in ogni settore della Amministrazione Regionale, ad un’ulteriore massima allerta su qualunque procedura di gara, di affidamento e di accreditamento e simili per la acquisizione di beni e servizi che sarà indetta ribadendo a ciascuno delle decine di responsabili dei centri di spesa la massima attenzione e trasparenza nella applicazione delle procedure previste dalla legge”. Il presidente Emiliano ringrazia gli inquirenti. “Innanzitutto intendo ringraziare la Guardia di Finanza di Bari che da mesi stava conducendo indagini sulle attività del dirigente inquisito. Li ringrazio in modo particolare per avere continuato il lavoro anche durante queste feste natalizie compiendo fino in fondo il loro dovere utilizzando con sagacia investigativa mezzi tecnici di grande efficacia che hanno portato ad importanti acquisizioni probatorie. Ringrazio con lo stesso sentimento la Procura delle Repubblica di Bari e l’Ufficio del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari per il lavoro di ripristino della legalità”.

Aggiornamenti e notizie