Coldiretti Puglia: arriva la proroga al piano anti Xylella

Autore Redazione Canale 7 | mar, 12 apr 2022 12:54 | 1017 viste | Coldiretti Puglia Xylella Agricoltura Attualità

Proroga al 20 aprile per eseguire le lavorazioni del terreno nelle zone fino a 200 metri di altitudine.

COMUNICATO - Prorogati i termini del Piano anti Xylella contro l’avanzata del batterio killer degli ulivi in Puglia al 20 aprile 2022 per eseguire le lavorazioni del terreno nelle zone fino a 200 metri di altitudine. A darne notizia è Coldiretti Puglia, che segnala l’allungamento dei termini disposto dall’assessorato regionale all’Agricoltura per le pratiche di prevenzione obbligatoria, una espressa richiesta di Coldiretti per dare il tempo ad agricoltori ed enti pubblici di ottemperare alle misure di contenimento con trattori, decespugliatori, trinciatrici, dando battaglia all’insetto vettore della Xylella fastidiosa, la ‘sputacchina’, e contrastare l’avanzata del killer degli ulivi, salvando il patrimonio produttivo e al contempo l’ambiente e il paesaggio.  

Serve ora una stretta per dare corso all’impegno assunto nel Piano 2022 da parte della Regione Puglia di riconoscere un contributo agli agricoltori impegnati nella lotta all’insetto vettore – aggiunge Coldiretti Puglia - per i costi sostenuti dagli agricoltori per le pratiche di prevenzione, perché svolgono un servizio pubblico di tutela del patrimonio olivicolo pugliese e italiano, perché agli agricoltori viene imposto un obbligo che è a tutti gli effetti un servizio pubblico di tutela e protezione del resto del territorio italiano ed europeo da un pericolosissimo agente da quarantena.

Nel Piano anti Xylella 2022  sono contemplati nuovi metodi di sorveglianza, come la task force cinofila, col supporto scientifico dei ricercatori dell'IPSP del CNR e con il supporto logistico ed organizzativo di Unaprol e Coldiretti che continueranno a collaborare con ENCI per le attività di addestramento dei cani che effettueranno nell’anno 15 controlli equamente suddivisi tra vivai/garden di piante ornamentali e/o officinali di specie non specificate (5 vivai in zona infetta), vivai/garden di piante appartenenti a specie specificate (5 vivai in area indenne) e lotti di piante importate da paesi terzi al loro arrivo al porto di Bari. Inoltre, attraverso il progetto di ricerca Redox (Remote Early Detection of Xylella), finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e coordinato dal Distretto tecnologico aerospaziale (DTA), saranno elaborate immagini telerilevate da aereo acquisite con sensori iperspettrali e termici, delle piante infette prima ancora della manifestazione dei sintomi – spiega Coldiretti Puglia - per la identificazione precoce di focolai di Xylella attraverso rilievi aerei e droni con sensori iperspettrali e termici.

L’urgenza è salvare da nuovi contagi la Piana degli Ulivi Monumentali che ha già perso 1/3 degli ulivi di inestimabile valore preservati nel tempo ed arginare in Puglia la diffusione della Xylella Fastidiosa – ceppo pauca, quello pugliese – che secondo lo studio della prestigiosa rivista americana PNAS (Atti della Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti d'America) potrà causare, se non viene fermata, un impatto economico negativo in Europa d in Italia fino a 20 miliardi, conclude Coldiretti Puglia.

Aggiornamenti e notizie