G7 2024 in Puglia: tra i territori candidati Fasano, Otranto e Monopoli

Autore Redazione Canale 7 | lun, 22 mag 2023 19:10 | 2219 viste | G7-2024 Giorgia-Meloni Puglia Attualità

L'ha comunicato la premier Giorgia Meloni.

L’annuncio di sabato pomeriggio è stato riverberato in maniera social ed è miele per la Puglia. Il presidente Giorgia Meloni ha ribadito che «il prossimo anno toccherà all’Italia ospitare il G7, e lo faremo in Puglia, Regione simbolo dell’incontro tra Occidente e Oriente. È una grande responsabilità per l’Italia, ma saremo all’altezza del compito». Compito o sfida, che dir si voglia. E qui entreranno in gioco i protagonisti del territorio, i sindaci. Al di là della scelta specifica della location, per cui già avanzano diverse ipotesi, è chiaro che il concetto di squadra mai come in un evento simile debba prevalere. E, parallelamente, devono cadere steccati ideologici. Il punto di partenza sembra buono, a sentire i vari sindaci di alcuni luoghi rappresentativi della Puglia. A partire dal primo cittadino di Fasano, Francesco Zaccaria. Meglio non parlare di pole position ma è chiaro che un luogo come Borgo Egnazia abbia molte carte da giocare. «Certamente è una grandissima occasione di promozione a livello planetario, speriamo che possa interessare il nostro territorio: lo dico come sindaco e come conoscitore di questi eventi. Ho già avuto modo di commentare questa notizia - prosegue Zaccaria - il nostro territorio rappresenterebbe una cornice perfetta perché garantirebbe una base logistica sicura con tutti i comfort del mondo, con tante sale per organizzare riunioni collegiali e bilaterali ed è al centro tra tre province. Mi rendo conto di essere di parte e non voglio andare oltre: diciamo che è uno dei luoghi più adatti. Anche sotto il profilo dell’accoglienza, abbiamo un expertise, come dicono quelli che parlano bene, di altissimo livello». Altro luogo evocativo citato come esempio di passaggio e unione tra Occidente e Oriente dal sottosegretario Mantovano, è Otranto. Anche il Barese ha evidenti motivi per essere protagonista. Il sindaco di Monopoli, Angelo Annese, ricorda come questa sia una terra d’accoglienza, che ha sempre mostrato aperture «al netto di colori politici che ora non hanno rilevanza». La città, sottolinea, è stata in prima linea durante gli sbarchi dall’Albania e tuttora ospita una comunità ben integrata. E l’annuncio della premier Meloni è un monito – dice Annese - «per tutte le amministrazioni locali a responsabilizzarci e fare sempre meglio: dobbiamo continuare a dare questo segnale di comunità grazie a un lavoro di squadra».

Aggiornamenti e notizie