Campanelli (Pd): “Mentre il Governo affossa il provvedimento, a Bari il salario minimo diventa realtà"

Autore Redazione Canale 7 | gio, 19 ott 2023 11:27 | 435 viste | Salario-Minimo Partito-Democratico Adalisa-Campanelli Politica

"Dal Tribunale di Bari- sottolinea la componente del Pd nazionale- arriva una sentenza che apre nuovi spiragli e che rende di fatto realtà tale provvedimento".

“Mentre il Governo nazionale rimanda in Commissione la pdl unitaria delle opposizioni sul salario minimo, dal Tribunale di Bari arriva una sentenza che apre nuovi spiragli e che rende di fatto realtà tale provvedimento”. Ad affermarlo è Adalisa Campanelli, Componente Direzione nazionale PD,  sulla scia della sentenza del Tribunale di Bari. che ha ritenuto inadeguata e insufficiente la retribuzione di un lavoratore e condannato il datore di lavoro ad applicare un altro trattamento retributivo, pagando le relative differenze maturate. La sentenza è del 13 ottobre scorso,  motivata dal diritto del lavoratore ad un salario minimo che lo tenga fuori dalla una condizione di povertà e che, secondo quanto previsto dall'articolo 36 della Costituzione, sia proporzionato e adeguato ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.  “Secondo i giudici - ribadisce la dirigente piddina,  non è sempre detto che una retribuzione prevista dal contratto collettivo sia giusta e adeguata.  Sin dall’inizio – continua la Campanelli - abbiamo, come Partito Democratico, sottolineato quanto fosse importante dare un salario dignitoso a oltre 3 milioni di lavoratrici e lavoratori e approvare una legge che, oltre ad essere di buon senso, è socialmente giusta. La battaglia che in questi mesi di estate militante abbiamo portato avanti, era ed è, anche alla luce di tale sentenza, una battaglia sacrosanta che ha raccolto milioni di sottoscrizioni e che continueremo a portare avanti nelle piazze e nelle aule istituzionali. Lo dobbiamo a quanti ogni giorno sono sottopagati e sfruttati. Ai più deboli. A quanti chiedono un lavoro dignitoso che consenta loro di costruire famiglia e un futuro dignitoso. Spiace constatare come il Governo, oltre ai suoi  slogan, -conclude Adalisa Campanelli- non sia stato capace neanche di avviare un confronto serio e franco su un tema tanto delicato quanto urgente”.

Aggiornamenti e notizie