Eseguite due complesse operazioni di chirurgia fetale all’ospedale Di Venere di Bari

Autore Gianni Catucci | sab, 18 nov 2023 12:16 | 551 viste | Asl-Bari Regione-Puglia Ospedale-Di-Venere Chirurgia-Fetale-In-Utero Salute

Una novità assoluta per tutta l’Italia Meridionale, che porta la Puglia tra le eccellenze della Chirurgia Fetale.

Sono stati eseguiti all'ospedale Di Venere di Bari i primi due interventi di Chirurgia fetale in utero. Le due delicate operazioni, altamente complesse, sono state effettuate su due donne in gravidanza gemellare, al quinto mese di gestazione, sottoposte a laser coagulazione a livello della circolazione vascolare della placenta. "Una novità assoluta per tutta l’Italia Meridionale", che porta la Puglia "tra le eccellenze della Chirurgia Fetale". I due interventi sono stati realizzati dagli specialisti dell’Unità operativa complessa di Medicina Fetale con la collaborazione delle équipe di Anestesia e Rianimazione e di Ostetricia e Ginecologia.

Quelli eseguiti al “Di Venere”, infatti, sono interventi di estrema complessità e hanno interessato due donne, entrambe al quinto mese di gravidanza gemellare, una con due feti e l’altra con gravidanza trigemina, evento quest’ultimo di per sé eccezionale. In entrambi i casi, i feti erano affetti da una patologia tipica dei gemelli che condividono la stessa placenta (monocoriali), tanto che essa si riscontra nel 15-20% delle gravidanze gemellari di questo tipo. La conseguenza è che un feto riceve poco sangue e l’altro ne riceve troppo determinando così, nella maggior parte dei casi, la morte di entrambi i feti per motivi opposti. 

La patologia, se non trattata, può portare a morte tutti e due i feti o uno solo creando però gravi lesioni cerebrali nel sopravvissuto. Sono pochissimi i Centri in Italia e pochi in Europa – ha rimarcato il direttore generale della Asl Bari Antonio Sanguedolce - in cui è possibile effettuare questi interventi in utero di grande difficoltà e complessità. Questo evento rappresenta il punto culminante di un percorso fatto di investimenti in strutture, attrezzature e risorse umane. Ora queste professionalità, e la struttura di eccellenza in cui operano- conclude Sanguedolce - ci consentono di aprire qui da noi una nuova stagione per le pazienti pugliesi. Sono infatti già in programma, nelle prossime settimane, altri interventi”.

Aggiornamenti e notizie