Xylella: altri 36 ulivi infetti e nuovi focolai nel Brindisino

Autore Redazione Canale 7 | Fri, 25 Sep 2020 | 303 viste | Xyella Coldiretti-Puglia Agricoltura Attualità

Ad annunciarlo con preoccupazione è Coldiretti Puglia

Sono stati accertati nuovi focolai e altri 36 ulivi infetti da Xylella Fastidiosa, a seguito delle analisi sul materiale vegetale campionato con il nuovo monitoraggio iniziato nel giugno scorso per cui è necessario intervenire con urgenza per estinguere i focolai attivi e salvare la Piana degli Ulivi Monumentali. E’ quanto riferisce Coldiretti Puglia, in riferimento ai risultati diffusi da #infoxylella e dal sito Emergenza Xylella che rivelano la presenza di altri 6 ulivi infetti a Cisternino, 2 a Fasano e ben 28 a Cisternino.  Secondo lo studio e il monitoraggio dell’andamento della malattia del CNR di Bari, la diffusione della malattia è passata dagli 8mila ettari del 2013 agli 8mila metri quadrati dell’attuale area demarcata, numeri che spaventano la Puglia ma anche il resto d’Italia, come emerso nel corso del simposio virtuale con olivicoltori e frantoiani organizzato da Unaprol, nell’ambito dei focus di Evootrends. La numerosità delle infezioni riscontrate a Fasano, Ostuni, come già avvenuto a Carovigno disegnano uno scenario oscuro già visto a Oria e Francavilla. “ Intervenire tempestivamente è un richiamo che abbiamo ripetuto quasi ossessivamente in questi anni – scrive allarmata Coldiretti -  per non mandare in fumo l’enorme patrimonio olivicolo, economico e paesaggistico della Puglia”. La Xylella è certamente la peggior fitopatia che l'Italia potesse conoscere – denuncia infine Coldiretti Puglia  - che ‘cammina’ ad una velocità impressionante, considerato che in 6 anni il danno del patrimonio olivetato ha superato 1,6 miliardi di euro.

 

Aggiornamenti e notizie